IL GIOCO DELLA CARTA

Cap. IV - IL GIOCO DEGLI ESPERTI

LA PRESA IN PIÙ





L'errore che molto spesso un dichiarante commette è quello di giocare il contratto in modo tale da non assicurarsi una o più prese supplementari.
Se ciò è poco determinante in un incontro a Squadre, a meno che la presa in più serva per conseguire un contratto di manche, può essere invece decisivo per conseguire, in alternativa, un top od un tip in un torneo con punteggio Mitchell.
Per fare le possibili prese in più occorre giocare correttamente la carta, mettendo in pratica tutte le tecniche di gioco conosciute (conto della mano, compressione, eliminazione, messa in mano, gioco "come se"  ecc.), desumere quanto possibile dall'andamento della licitazione, oltre ad avere un pizzico di fortuna o sfruttare gli errori avversari, le quali cose non guastano mai.

Nella mano descritta nel diagramma a lato, Est gioca 3 S.A., dopo che Nord aveva contrato l'apertura di Ovest.
Il punteggio della linea E/O è appena sufficiente ma è ben noto come la concentrazione dei punti mancanti nella mano di un difensore si riveli spesso determinante.
Sud attacca con la Dama di picche (scelta logica ma molto sfortunata).
Est prende con l'Asso di picche e gioca il 2 di fiori per la Dama ed ancora fiori per il Fante coperto dall'Asso.
Nord si trova ora alle prese con un grosso dilemma: se e come giocare le cuori.
Sia con la speranza di trovare la Donna in mano al compagno e battere così il contratto, sia per tagliare i collegamenti fra dichiarante e morto, decide di giocare correttamente il 4 di cuori.
Est fa la presa con la Regina di cuori e prosegue con tre giri di picche (su cui Sud scarta una quadri ed una cuori), poi con il Re di fiori (Nord commette l'errore di scartare una quadri) ed infine con il Re e con la Donna di quadri su cui Nord non risponde.
La linea di gioco seguita ha permesso al dichiarante di contare la mano agli avversari e lo mette in grado di forzare in presa SUD a fiori per l'obbligato ritorno a quadri che consente al dichiarante di fare undici prese con il sicuro impasse al Fante.

Anche nel contratto di 6 PICCHE di cui alla smazzata a lato, il problema è quello di conseguire la presa in più per ottenere il TOP in un torneo Mitchell.
Ricevuto l'attacco di 4 di fiori, preso in mano con l'Asso, il dichiarante batte tre volte atout finendo in mano, risale al morto con l'Asso di quadri e fa l'impasse alla Dama di cuori, quindi Asso di cuori su cui Est (giocatore di ottimo livello) scarta la Dama di cuori.
Ed ora il dilemma: Est è partito con la Dama seconda o terza con il dieci?
Se il dichiarante opta per la seconda ipotesi e gioca piccola cuori per il Re nella speranza di veder cadere il 10, realizza solo dodici prese.
Ben diversamente andrebbe la mano se il dichiarante tentasse di leggere le carte degli avversari.
Preso con l'Asso l'attacco iniziale, dovrebbe battere tre atout finendo al morto e quindi effettuare subito l'impasse obbligato alla Dama di cuori.
A questo punto, con dodici prese assicurate, potrebbe giocare Asso di cuori (Est mette la Donna), quindi Re di fiori (Ovest non risponde), seguito da Re di quadri, piccola quadri per l'Asso e quadri tagliata (Est ha solo due quadri).
Ora la mano degli avversari è letta: Est era partito con sei fiori, tre picche, due quadri e due cuori e, a questo punto, ha solo fiori in mano: l'impasse al 10 di cuori può essere effettuato in sicurezza conseguendo la presa in più.

In quest'altro diagramma Sud gioca 4 CUORI dopo che la licita si è svolta nel silenzio del campo avverso. Ovest attacca con la Dama di quadri.
State bassi dal morto ed Ovest ritorna picche per il Re ed il vostro Asso.
A questo punto potete mantenere il contratto se vi riesce l'impasse alla Donna di fiori, ma realizzate anche che chi ha giocato il contratto di 3 S.A. farà un punteggio migliore del vostro in quanto incasserà ugualmente 10 prese.
Pertanto il problema consiste nel realizzare una presa in più che vi consenta di prendere un meritato top.
Ciò è possibile tentando con successo una probabile compressione.
Sud procede a battere Asso di cuori e cuori per il Fante del morto; quindi picche tagliata di mano, impasse riuscito alla Donna di fiori ed altra picche tagliata di mano di alta.

Batte il Re di cuori sul quale scarta una quadri del morto e rientra al morto con il Re di fiori, per la situazione a quattro carte dalla fine riportata nel diagramma di destra.
Gioca allora l'8 di picche dal morto tagliando di mano mentre Ovest è in compressione: se scarta fiori, le due fiori del morto diventano franche.
Scarta allora quadri.
Sud gioca il 7 di fiori per il Re e, constatata la sfavorevole ripartizione dei resti nel colore, gioca dal morto il Re di quadri.

Est prende con l'Asso ma è costretto a ritornare quadri per il 10 franco di Sud, essendo ormai caduto il Fante di Ovest.

Come avrete notato, il descritto gioco di compressione riesce soltanto eliminando dalla mano di Est tutte le picche; va preparato con molta cura e Sud deve impostare il proprio gioco stando attento ai tempi di esecuzione ( timing) e alla distribuzione.
Ed il top conseguito va a premiare meritatamente un giocatore decisamente al di sopra della media.

Con la mano illustrata nel diagramma a lato, Sud gioca 4 PICCHE ricevendo l'attacco di quadri vinto con l'Asso.
Dopo aver attentamente riflettuto per preparare il suo piano di gioco, Sud ha riscontrato la necessità di incassare subito l'Asso di fiori e poi, andando al morto con l'Asso di cuori, avrebbe potuto scartare la perdente a fiori sul Re di quadri, non dimenticandosi, al giro successivo, di tagliare in mano una fiori dando inizio ad una riduzione in atout che si sarebbe potuta rivelare utile nel finale della mano.
Incassato ora il Re di cuori, ha rigiocato nel colore; mentre Ovest, che non aveva alcun interesse a tagliare, ha scartato una fiori, il morto ha tagliato per giocare quadri tagliata questa volta in mano.
Ancora cuori tagliata dal morto con l'ultimo atout.
A questo punto Sud è rimasto con l'Asso e il Fante terzi di atout ed una cuori mentre Ovest disponeva ancora di tutte le sue quattro carte di picche.
Sulla fiori giocata dal morto, Sud ha scartato la cuori ed Ovest, costretto a tagliare, ha continuato con il Re di picche che Sud si è guardato bene dal superare ed ha reclamato le restanti prese con

la forchetta di Asso e Fante di atout.
La smazzata è degna di nota perché rende evidente la necessità di studiare a fondo la mano per prevedere fin dalle prime battute quello che potrebbe essere l'epilogo.
La mossa vincente del dichiarante è stata l'anticipo del taglio a fiori alla quinta presa; se non l'avesse fatto, Sud sarebbe arrivato alla situazione finale rappresentata nel diagramma di destra.

Avrebbe potuto tagliare in mano una quadri del morto, ma poi avrebbe dovuto giocare la tredicesima cuori.
Ovest sarebbe stato costretto a tagliare con il 5 di picche, ma Est, surtagliando con il 6, avrebbe impedito a Sud di fare ancora due prese.

<<<

>>>