La licitazione

Indice Standard Italia

Home Page

IL NOSTRO SISTEMA DI INTERVENTO

VALORE DEI DIFFERENTI INTERVENTI
DOPO APERTURA AVVERSARIA DI 1 A COLORE



1. Intervento in un colore al livello di 1

Per intervenire al livello di 1, è sufficiente avere:
-sia un robusto colore;
-sia una mano con la quale avreste aperto.

Ecco riportati nei due diagrammi a lato degli esempi di intervento a 1 Cuori dopo una apertura avversaria di 1 Quadri:
Passando quando possedete un valore di apertura, potrete correre due rischi:
-sia di seppellire una manche;
-sia, al giro seguente, essere in posizione delicata per riparlare.

Mano 1
764
KQJ986
2
QT3

Mano 2
K3
AQ862
42
AJ74

Mano 3
Q8652
A9
AK5
975

Altro esempio, il vostro avversario di destra apre di 1 Fiori ed avete la seguente mano:
Su una apertura di 1 Fiori o di 1 Quadri, è normale intervenire con 1 Picche, poiché, come vedrete in seguito, non si ha il diritto di dare un contro di apertura con una tale distribuzione.
Procediamo considerando che vi sia stata distribuita una mano con ancora più punti O.; dichiarate eccezionalmente un colore quarto ricco in onori se potete parlare a livello di 1.

Per esempio: dopo l'apertura di 1 Quadri, intervenite con 1 Cuori con la mano descritta nel diagramma a lato.
In generale, evitate di tacere, se possibile, con una bella mano; in questo caso cosa potrebbe esserci di meglio che intervenire con 1 Cuori?
In effetti, bisogna evitare di dare un contro di apertura con un doubleton in un nobile non nominato.
In definitiva, l'intervento in un colore a livello uno, indica mano monocolore di 8÷15 p.O.
Con il punteggio minimo, i punti Onori devono essere concentrati  nel colore dell'interferenza, se non altro per

Mano 4
86
AKJ3
873
AKJ7

dare un valido attacco al compagno. Il colore dell'interferenza, comunque, deve essere solido, in modo da potervi giocare anche in assenza di fit.
Se il compagno dell'interferente non dà segni di forza (passa o appoggia, essendo l'unica risposta positiva la surlicita del colore di apertura avversaria), al secondo turno licitativo si passa, anche su cambio di colore del compagno a livello 1 (indicante una decina di punti, fino al limite dell'apertura e misfit), con mano con forza inferiore all'apertura, mentre si ridichiara con forza di apertura.
Se il compagno dell'interferente licita un colore a livello due, egli assicura una mano discreta con un minimo di fit nel colore dichiarato dall'interferente; quest'ultimo ripeterà il proprio colore con mano minima, o effettuerà un cambio di colore o la conclusione a Manche con mano massima.
Su appoggio del compagno, si effettua un cambiamento di colore per indicare una forza (se non una lunghezza) nel nuovo colore ed una forza di buona apertura, mentre si rialza nel colore appoggiato con mano sbilanciata non molto forte in punti Onore, per prevenire un risveglio avversario a basso livello.


2. Intervento in un colore a livello di 2 senza salto:


Esempio:                Sud      0vest
                                  1
        2

Il livello 2 su 1 cambia completamente la situazione e le dichiarazioni punitive di contro colpiscono spesso gli imprudenti.
Di regola, per intervenire a livello di 2 senza salto, occorre uno dei due minimi seguenti:

-sia un colore solido ed una forza di apertura minima (almeno 11 p.O o 14 p.D.0.);
-sia un colore sesto molto robusto.

Cosi potrete dire 2 Quadri dopo una apertura avversaria di 1 Cuori con una qualsiasi delle mani riportate nei diagrammi a lato.

Mano 5
82
74
KJT975
AKJ

Mano 6
A8
862
AQT74
KQ7

Mano 7
T8
4
AKJ986
J752

3. Intervento in un colore al livello di 2 o 3 con salto


Il giocatore della difesa fa un intervento a salto se annuncia "1 di più di quanto non è necessario".
Esempi:                    Sud      0vest          oppure         Sud      0vest
                                 1
        3                                   1         2
Fate questo intervento con salto circa con lo stesso genere di mano che, presso un apertore, giustifica una ripetizione con salto.
Occorre possedere una mano con un colore robusto e 13÷15 p.O. o da 15 a 18 p. D.O. come negli esempi che seguono:

Nell'esempio n° 8, su una apertura di 1 Quadri, 1 Cuori o 1 Picche, intervenite a 3 Fiori.
Nell'esempio n° 9, su una apertura di 1 Fiori, 1 Quadri o 1 Cuori, intervenite a 2 Picche.
Un consiglio importante: vi capiterà spesso di essere in presenza di casi limite, cioè di mani con le quali esiterete tra passare o parlare.
È a quel momento che dovrete tenere conto della vulnerabilità.
In altre parole, ogni volta  che sarete in presenza di tale tipo di mano, meglio passare quan

Mano 8
86
A3
KT6
AKQ987

Mano 9
KQJT95
A7
A6
982

do sarete vulnerabili e parlare quando non lo sarete.



4. Intervento ad 1 S.A.

Per intervenire ad 1 Senza Atout, occorre avere una mano che corrisponda alle regole richieste per l'apertura di 1 Senza Atout (16-18 P.O.) con almeno un fermo nel colore di apertura avversaria (meglio se un doppio fermo e cioè sia A e K, sia K J x, sia K Q x , ed il massimo di 18 p.O.).

Esempio: se il vostro avversario di destra apre di 1 Picche, direte 1 S.A. con la mano 10.
Per contro, sempre dopo una apertura di 1 Picche, ora possedete la mano 11.
Anche se, toccando a voi l'apertura, avreste aperto di 1 S.A., ora non avete più il diritto di dichiarare 1 S.A. dopo l'apertura avversaria di 1 picche.
In effetti, non possedete dei fermi in questo colore: con una tale mano, occorre dare un contro di apertura.

Mano 10
KJ6
A95
KQ97
AT8

Mano 11
J7
AQT
KJ95
AQ82

Attenzione! Supponete di possedere la prima di queste due mani, che vi troviate in Sud e che la sequenza licitativa sia:

                                                                            Ovest  -    Nord    -    Est      -      Sud
                                                                              1
         passo           passo        ?

Siete in posizione di risveglio
, la licita di 1 S.A. indicherebbe tutt'altra cosa, lo vedrete ben presto.



5. Intervento con un Contro di apertura

Il contro di apertura
è il migliore intervento del partito della Difesa; permette di trovare un colore comune al livello più basso e, se la vostra mano risponde alle esigenze di un contro di apertura, occorrerà preferirla a tutte le altre licite.
Il contro di apertura si formula licitando "CONTRO" ed invita il compagno a fare una licita quale che sia la sua mano (anche se ha zero punti!).
Evidentemente, con una mano troppo debole, potrà passare se il suo avversario di destra ha dichiarato dopo il contro di apertura.     
   
    Esempio:                                    SUD    -    OVEST    -    NORD     -    EST
                                                       1
                !                  1           passo

Nord ha parlato, Est ha pertanto il diritto di passare se è debole: se parla lo fa "liberamente" e, quindi, deve possedere un congruo numero di punti tali da giustificare la sua dichiarazione non forzata.


Valore e definizione del contro di apertura



Come regola generale, per dare un contro di apertura, occorre un minimo di 14 p. D.O. ed un appoggio eventuale nei tre colori non dichiarati dal partito avverso.
Poiché noi utilizzeremo la surlicita del colore di apertura per indicare il possesso di una mano bicolore, non potremo utilizzare tale dichiarazione per indicare, come comunemente viene fatto in altri sistemi, quelle mani fortissime con le quali, se fossimo gli apertori, apriremmo con 2 FIORI CRODO.
Il punteggio massimo di un contro di apertura è, pertanto, illimitato. Per quelle mani fortissime che abbiamo or ora citato, utilizzeremo l'escamotage di dare prima il CONTRO e di effettuare successivamente la surlicita del colore di apertura avversaria.
Ecco, a titolo di esempio, un contro di apertura caratteristico dopo apertura di 1 Picche.

Se il vostro avversario di destra ha aperto di 1 Picche, la mano 12 è perfetta per dare un contro di apertura; avete in effetti un appoggio di quattro carte nel colore che nominerà il vostro compagno, qualunque esso sia.

Non dimenticate mai che dando un contro di apertura pregate il vostro compagno di licitare un colore.
Questo colore lo deve nominare senza rischio, quale che sia la debolezza del suo gioco, quale che sia la debolezza del suo colore.

Mano 12
4
AQJ5
Q952
KQ76

Oltre alle due distribuzioni:  5 - 4 - 4 - (0)  e  4 - 4 - 4 - (1)  (la cifra di destra entro parentesi indica il numero di carte nel colore di apertura), esistono delle altre mani con le quali il contro di apertura è a volte la sola buona licita.
Sono soprattutto le seguenti tre distribuzioni: 5 - 4 - 3 - (1) , 4 - 4 - 3 - (2) , 5 - 3 - 3 - (2).
Non è sempre indispensabile avere delle distribuzioni così favorevoli per dare un contro di apertura.
Ecco il perché: il compagno ha il diritto di passare sugli interventi precedentemente esaminati.
In presenza di una mano discreta, forte o anche molto forte, occorre sempre pensare che il vostro compagno può avere si una mano debole ma anche una lunga nobile di cinque o sei carte.
Ebbene, per farlo parlare occorrerà dare un contro di apertura con delle mani anche meno felicemente distribuite. Sareste infatti seccati se, dopo l'apertore, avete una mano forte e il vostro compagno non nomina una lunga nobile.
Normalmente, dopo l'apertura in un colore minore dovete avere entrambi i colori nobili almeno quarti (eccezionalmente uno quarto e l'altro terzo!); dopo l'apertura in un colore nobile dovete avere l'appoggio quarto nell'altro colore nobile, qualora il vostro compagno si trovasse costretto a (o intendesse) licitarlo al livello due.
Ma potete ugualmente dare un contro di apertura con tante meno esigenze sulla vostra distribuzione quanto più potente sarà la vostra mano.
È così che direte "CONTRO" dopo un'apertura di 1 Quadri con le seguenti mani:

Con la mano n. 13, contrando l'apertura di 1 Quadri, vi è una concreta possibilità che il vostro compagno possa dichiarare al livello di UNO. Se nomina un colore, il vostro singolo varrà 3 punti S e potrete valutare la mano 14 punti S.
Con la mano n. 14, se intervenite nominando le vostre cuori, potrete "sotterrare" un eccellente contratto a picche.

Mano 13
AQ94
K874
2
Q973

Mano 14
AJ94
AQ986
K3
97

Mano 15
AQ84
AQ96
852
AJ

Mano 16
AT
KQT6
3
AKJ962

Con la mano n. 15, non dovete intervenire con 1 S.A. con tre cartine nel colore avversario. Con 17 p.O. ed i due maggiori quarti occorre contrare.
Con la mano n. 16, contrate e nominate le vostre fiori al giro successivo se il vostro compagno licita le picche; in tal modo lo avviserete che avete almeno 16 p.O. ed almeno 5÷6 fiori.
In definitiva, interverrete con un CONTRO tutte le volte che vi troviate in possesso di una delle seguenti mani:


a. Mano Bilanciata con forza di apertura 12/13÷15 p.O.
   Con tale tipo di mano, dopo l'apertura in un colore minore, si promette normalmente almeno quattro carte in ciascuno dei
   colori nobili (eccezionalmente almeno 4-3).
   Se il CONTRO è dato dopo l'apertura in un colore nobile, esso è SPUTNIK e promette quattro carte nell'altro nobile.
   Al secondo turno di licita, qualora il suo compagno non abbia dato alcun segno di forza effettuando una dichiarazione a li
   vello, il contrante passerà, anche se non si sia trovato un vero fit.

b. Mano bicolore di 12÷15 p.O. con un colore nobile quarto ed un minore quinto o più.
   
Con tale tipo di mano, si deve contrare  il colore di apertura  per non perdere la possibilità  di trovare un fit 4-4 nel nobile
   posseduto.
   Qualora il compagno del contrante  dichiari l'altro nobile  o 1 S.A., il contrante dichiarerà a livello due il colore minore e la
   situazione non sarà forzante.   

c. Mano Sbilanciata di 16 + p.O. (o 5 - perdenti)
   Il colore lungo nobile sarà poi licitato al giro successivo, denunciando, così, forza e distribuzione.

<<<

>>>